04 Aprile 2020

PIPPI CALZELUNGHE
ANNULLATO

di Astrid Lindgren
Riduzione teatrale, traduzione e regia Pino Costalunga e Marinella Rolfart

con Matteo Mirandola, Marta Boscaini, Marina Fresolone

Scene, pupazzi e costumi Tjåsa Gusfor

La recita prevista per il giorno 7 marzo 2020, in un primo momento spostata al 4 aprile 2020, è annullata. 

E’ prevista, secondo le disposizioni di legge, l’emissione di voucher di pari importo dei biglietti e della validità di 18 mesi. L’emissione del voucher può essere richiesta entro e non oltre i termini di legge rivolgendosi al canale di vendita presso cui è stato effettuato l’acquisto: 
  • per i biglietti acquistati presso la biglietteria del teatro scrivendo alla mail cassa@teatromanzoni.it;
  • per i biglietti acquistati sul sito del teatro e sulla rete Ticketone seguendo le istruzioni indicate nella pagina dedicata all’emergenza Covid-19 sul sito ticketone.it; 
  • per i biglietti acquistati telefonicamente con il Call Center scrivendo alla mail info@tosc.it
Essendo lo scenario in continua evoluzione ti invitiamo a monitorare eventuali aggiornamenti sul sito e sui profili social del Teatro.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Lo spettacolo narra le vicende di Pippi, una bambina assolutamente fuori dagli schemi, e dei suoi amici, attraverso i loro occhi sbarazzini e spensierati. Dall'arrivo a Villa VillaColle ai giochi con Annika e Tommy, la produzione restituisce un quadro esaustivo e divertente di uno dei personaggi  più amati, il tutto in una scenografia coloratissima.

Curiosità della produzione:
Lo spettacolo è stato prodotto nel 2007 per festeggiare i cent’anni dalla nascita di Astrid Lindgren. Durante l’allestimento Olof Nyman, il marito di Karin, figlia di Astrid, e rappresentante degli eredi, ha revisionato la drammaturgia del testo confermandone l'autenticità. La stessa Karin ha partecipato alle prove generali approvandone definitivamente la distribuzione in Italia. Pochi anni dopo, con questo spettacolo, Fondazione Aida ha vinto il Biglietto d’oro Agis-ETI per il successo di pubblico conseguito.