Dal 11 Gennaio 2011 al 30 Gennaio 2011

Il catalogo

Ennio Fantastichini - Isabella Ferrari

di Jean Claude Carrière

Jean-Jacques, avvocato in carriera, noto Don Giovanni della Parigi bene, conduce una vita da scapolo esemplare, perfettamente organizzata tra ufficio, serate mondane e nottate con donne sempre diverse. Ha però un difetto: non ha memoria, ed è perciò costretto a catalogare in un album tutte le sue conquiste. Un giorno piomba a casa sua Suzanne, una giovane donna alla ricerca di un certo Philippe Ferrand. La donna è stanca e, senza troppi preamboli, decide di installarsi a casa di Jean-Jacques sconvolgendo così l’ordine maniacale del suo monolocale e della sua vita. “Il catalogo” è una commedia delicata e divertente. Si tratta di un tragicomico incontro-scontro di universi paralleli e apparentemente estranei. Tutto si gioca nel dialogo tra un solo uomo e una sola donna, due persone tremendamente sole. Sole senza neppure essersene accorte. Carrière, l’autore, le fa incontrare nel momento in cui la loro vita sembra ormai assuefatta a tanta solitudine. Lei è una disordinata ed evanescente “ragazza con la valigia”, alla Prévert, tenera e folle; lui, un Don Giovanni che nella vita “diurna” fa il consulente legale, mimetizzandosi con la normalità di un’umanità alquanto razionale. Personaggi tanto distanti potevano incontrarsi solo in forza di un equivoco. Luogo dell’equivoco: la casa di lui. E lei, come in un sogno, ci entra, se ne appropria, e con destrezza la ruba. E ‘ come se rubasse all’uomo l’idea stessa dell’intimità. Ma lei non si accontenta di rubare l’intimità della casa di lui: trova anche il suo “segreto nascosto”, un semplice taccuino, su cui è scritto un catalogo. Questo piccolo segreto è la prova che nel cuore di tutti noi c’è qualcosa di magico ed oscuro. Un segreto, bello o brutto non importa, che ci protegge dalla vita. Questo segreto è al sicuro dentro di noi, come noi dentro alle nostre case. L’uomo di questa commedia ha la sua vita normale e il suo segreto che lo protegge, potremmo dire: lo protegge dall’amore. A prestare il volto a questi due raffinati e tormentati personaggi segnati dall’incomunicabilità saranno i versatili Ennio Fantastichini e Isabella Ferrari, per la regia dell’affermato Valerio Binasco.